Birmania bilancio vittime sale a quota 550

Raid aerei contro la folla di manifestanti, oltre 12 mila sfollati. Il bilancio dei morti accertati in Birmania dall’inizio delle proteste anti golpe è salito a quota 550

Birmania
Birmania bilancio vittime sale a quota 550

Il bilancio dei morti accertati in Birmania dall’inizio delle proteste anti golpe è salito a quota 550.
lo riporta l’Associazione per l’assistenza ai prigionieri politici (Aapp).

Secondo l’organizzazione non profit per la difesa dei diritti umani basata in Thailandia,
nella giornata di ieri sono state uccise due persone, mentre altre cinque avevano perso la vita nei giorni scorsi ma non erano state conteggiate.
Finora nel Paese le forze di sicurezza hanno arrestato 2.751 persone.

Intanto è emerso che oltre 12mila persone sono state costrette ad abbandonare le proprie abitazioni nei giorni scorsi in seguito a raid aerei effettuati
dall’esercito a fine a marzo contro una fazione etnica ribelle.

Lo stesso gruppo armato, il Karen National Union (KNU), ha reso noto inoltre che gli attacchi hanno provocato “numerose vittime” e “la distruzione di scuole e
di villaggi”.

La settimana scorsa il KNU aveva sequestrato una base militare nello Stato di Karen (sudest) in risposta alla sanguinosa repressione in corso nel Paese e
l’esercito aveva reagito tra il 27 e il 30 marzo con i raid aerei contro le roccaforti del gruppo.

Condividi su

Articoli correlati

Colpo di stato in Myanmar, Birmania: cosa sta succedendo e perché? 

Birmania, scatta la legge marziale. Ue e Gb chiedono riunione d’urgenza all’Onu. Appello di Papa Francesco per la pace

Continuano le proteste in Bielorussia non autorizzate, dopo la morte dell’attivista Roman Bondarenko