San Valentino perche’ il cuore simbolo degli innamorati?

San Valentino 14 febbraio, perche’ il simbolo degli innamorati è il cuore? Palpitazione, ovvero la tachicardia, parola che deriva dalla radice greca ‘ταχύς’, che vuol dire “veloce”

SAN VALENTINO PERCHE' IL CUORE SIMBOLO DEGLI INNAMORATI?
Il cuore simbolo degli innamorati


E’ proprio così? Quale è il motore, anatomico, dell’innamoramento?

La vera cabina di regia risiede nel cervello dove una complessa rete neurobiologica si attiva al momento della scintilla amorosa inducendo comportamenti e sensazioni.
I punti cruciali del colpo di fulmine passano inoltre attraverso gli occhi.

Poi ci sono le ‘farfalle nello stomaco’, altro segnale dell’attività di neuroni intestinali stimolati dai neurotrasmettitori del cervello che,
liberati in occasione dell’incontro, mettono il corpo in allerta.

Allora perché il simbolo della festa degli innamorati è, da sempre, il cuore?

Lo abbiamo chiesto a due esperti dell’animo umano, il filosofo Umberto Galimberti e il sessuologo Emmanuele A. Jannini.

SAN VALENTINO PERCHE' IL CUORE SIMBOLO DEGLI INNAMORATI?
San Valentino perche’ il cuore? L’amore inizia nel cervello

Ha risposto Umberto Galimberti, filosofo e accademico italiano:
“La connessione dell’innamoramento con il cuore arriva dai tempi antichi in cui non si conosceva nulla del nostro cervello, organo che in effetti anche noi
abbiamo cominciato a scoprire più tardi con la nascita della neurologia.
Da dove nasce l’errore?
La prima sensazione che percepiamo quando ci si innamora è la palpitazione, ovvero la tachicardia, parola che deriva dalla radice greca ‘ταχύς’,
che vuol dire ‘veloce’ tanto che oggi identifica anche la parola taxi, mezzo per andare veloce.
Queste palpitazioni del battito, naturalmente, vengono avvertite da tutti coloro che sono ancora capaci di avere un cuore e non dagli altri”.

“Seppure l’amore non nasca dal cuore ma a tutti gli effetti dal cervello, – precisa Galimberti – gli innamorati avvertono la tachicardia e tale reazione ha fatto credere nei secoli che l’amore risiedesse nel cuore.
Si tratta invece del sintomo più tangibile, sentiamo ‘il cuore che batte in petto’ e l’innamoramento è quindi una tachicardia che nell’amore però non
identifica una malattia come invece accade in medicina”.

Il cuore era il simbolo dell’amore anticamente e rimane saldamente tale oggi nonostante gli studi sul cervello abbiano dimostrato che le emozioni partano nella mente.

Conclude Galimberti: “gli studi neurologici appassionano gli scienziati ma non la gente comune e,
anche se ci si informa sui meccanismi della neurobiologia, non ci commuove affatto studiare il cervello, ci commuove invece l’amore e quindi
rimaniamo ancorati alla vecchia, archetipica, immagine-simbolo del cuore”.

Emmanuele A. Jannini, presidente dell’Accademia Italiana della Salute della Coppia e autore del saggio fresco di stampa nel saggio ‘Uomini che piacciono alle donne’,
aggiunge altri tasselli al legame cuore-amore:

“La geografia anatomica di San Valentino risiede sì nel cervello e, va detto, anche tra le gambe ovvero nei genitali.
Il punto di mezzo di questi due motori fondamentali è però il cuore, che rappresenta perfettamente il ‘sanvalentinismo’ perché si colloca in modo equidistante
fra i due pilastri fondamentali dell’amore”.

“Anche la sensazione di ‘farfalle nello stomaco’ è in parte correlata con le palpitazioni cardiache perciò il cuore sintetizza ancora oggi e perfettamente l’amore.
Si parla spesso di chimica dell’amore relativa ai meccanismi cerebrali ma non c’è nulla di più spoetizzante, meglio parlare del cuore che è perciò anche
il simbolo commerciale per eccellenza della festa degli innamorati”
, conclude Jannini.


Leggi anche:

10 consigli per un San valentino da favola. 5 regali perfetti e 5 regali da evitare

Yoga e Kamasutra i segreti per migliorare la tua vita sessuale. Scopriamo le posizioni yoga

Vita di coppia, 8 modi per fare l’amore. Come fare l’amore quando si è da molto tempo insieme?

Concorso per il lato B più bello del mondo