LUIGI PELAZZA INVIATO IENE CONDANNATO PER VIOLENZA PRIVATA

Luigi Pelazza inviato delle “Iene” è stato condannato per violenza privata nel caso che coinvolge la giornalista Guia Soncini

LUIGI PELAZZA INVIATO IENE
Luigi Pelazza inviato delle “Iene” è stato condannato a 2 mesi

Il Tribunale di Milano ha inflitto due mesi di carcere a Luigi Pelazza, convertiti in una multa di 15mila euro, condannato per un’intervista nel cortile di una casa.

Nel 2015 Pelazza si introdusse nel cortile del palazzo della giornalista Guia Soncini con l’obiettivo di intervistarla, facendole domande in maniera insistente e impedendole di entrare in casa sua.
Su richiesta dell’imputato, il tribunale di Milano ha convertito la pena in una multa da 15mila euro.

Pelazza dovrà versare anche 2mila euro alla parte civile come anticipo della somma totale che le spetterà come risarcimento.

Assolto l’altro imputato, il cameraman Osvaldo Camillo Verdi – riporta l’Agi – «per non aver commesso il fatto», perché dal processo non è emersa la certezza che fosse presente quel giorno.

Leggi anche: MESSI E IL CONTRATTO DA MEZZO MILIARDO

Il pm Francesco Cajani aveva chiesto 9 mesi di carcere.
«E’ una sentenza importante – afferma l’avvocato Davide Steccanellaperché ha stabilito che non sempre il ‘metodo Iene’ è scusato dal pure legittimo diritto di cronaca.
In questo caso si era trattato di un vero e proprio agguato nel cortile interno di un palazzo privato,
impedendo alla mia cliente di fare rientro in casa propria fino all’arrivo delle forze dell’ordine per confezionare un servizio a effetto».

Sentito nel corso del processo, Pelazza aveva detto: «Lei mi ha dato due tre colpi; non dico che mi abbia picchiato, però.
In 800 servizi, è la forma mentis delle Iene, non usiamo mai violenza perché non si deve usare violenza.
Figuriamoci se questo lo facciamo nei confronti di una donna».

LEGGI ANCHE: 5 CONSIGLI PER LO SMARTWORKING

Resta sempre aggiornato sulle notizie di: cronaca, politica, televisione, musica, spettacolo, curiosità, cronaca nera e tanto altro, seguici sui nostri canali social: Facebook – Twitter