PAURA DEL CORONAVIRUS RESTA IN AEROPORTO PER 3 MESI

Paura del Coronavirus, un uomo resta in aeroporto per 3 mesi. Troppo spaventato per volare a causa della pandemia ha vissuto in una zona sicura dell’aeroporto internazionale di Chicago

PAURA DEL CORONAVIRUS RESTA IN AEROPORTO PER 3 MESI
PAURA DEL CORONAVIRUS RESTA IN AEROPORTO PER 3 MESI

Aditya Singh, 36 anni, è stato arrestato sabato dopo che il personale della compagnia aerea gli aveva chiesto di presentare la sua identificazione.
Ha mostrato una credenziale, ma presumibilmente apparteneva a un direttore delle operazioni che lo ha denunciato a ottobre.

La polizia dice che Singh è volato da Los Angeles all’aeroporto internazionale O’Hare il 19 ottobre.

Secondo il parere, dell’assistente procuratore dello stato Kathleen Hagertyil: “aveva paura di tornare a casa per il Covid” riferisce il Chicago Tribune.
È riuscito a vivere delle dispense di altri passeggeri, ha detto Hagerty al giudice del caso.

LEGGI ANCHE: INFLUENZA, FEBBRE, COVID-19. COME AUMENTARE LE NOSTRE DIFESE IMMUNITARIE

La giudice della contea di Cook, Susana Ortiz, ha espresso sorpresa per le circostanze del caso.
Ha rappresentato un rischio per la sicurezza?
“Se ho capito bene, mi stai dicendo che una persona non autorizzata, che non fa parte del personale, viveva presumibilmente in un’area sicura del terminal dell’aeroporto O’Hare dal 19 ottobre 2020 al 16 ottobre Gennaio 2021, e non è stato scoperto? Voglio capirlo bene “, ha detto al pubblico ministero che domenica ha esposto le accuse.

Singh vive in un sobborgo di Los Angeles e non ha precedenti penali, secondo l’assistente alla difesa, Courtney Smallwood. Non è chiaro perché fosse a Chicago.

VEDI ANCHE: CALENDARIO VACCINAZIONI ANTI COVID

È stato accusato di un crimine di violazione di domicilio in un’area riservata di un aeroporto e di un reato di rapina. Sei stato bandito dall’aeroporto e devi pagare un deposito di $ 1.000.
“La corte trova questi fatti e circostanze abbastanza sorprendenti a causa del presunto periodo di tempo in cui ciò si è verificato”, ha detto il giudice Ortiz.
“Sulla base della necessità che gli aeroporti siano assolutamente sicuri in modo che le persone si sentano al sicuro quando viaggiano, trovo che queste presunte azioni lo rendano un pericolo per la comunità”.

Da parte sua, il Chicago Aviation Department, che sovrintende agli aeroporti della città, ha rilasciato una dichiarazione:
“Sebbene questo incidente continui ad essere indagato, siamo stati in grado di stabilire che questo signore non rappresentava un rischio per la sicurezza dell’aeroporto o dei viaggiatori.”

Resta sempre aggiornato sulle notizie di: televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sui nostri canali social: Facebook

Un pensiero su “PAURA DEL CORONAVIRUS RESTA IN AEROPORTO PER 3 MESI

I commenti sono chiusi.