ROMA: UCCELLI MORTI LA NOTTE DI CAPODANNO

Uccelli morti la notte di capodanno a Roma altro che 5G: nota Lipu sui botti di Capodanno

Roma uccelli morti la notte di Capodanno, altro che 5g
Roma uccelli morti la notte di Capodanno, altro che 5g

Roma, via Cavour, nei pressi della stazione Termini, storni di uccelli trovati morti la notte di Capodanno, la nota della onlus Lipu esclude l’ipotesi 5g.

Lipu ha confermato che la moria sia stata determinata dai botti di Capodanno, evidentemente percepiti in modo evidente nei pressi di Via Cavour.

Proprio in quella zona, fa sapere l’Onlus, si trova un grosso dormitorio, che in questi mesi non è stato oggetto di alcun intervento di dissuasione. Essendo gli storni animali sociali, diverse migliaia di esemplari si sono ritrovate in quella zona poco prima di mezzanotte.

Leggi anche: WHATSAPP LA TRUFFA DI CAPODANNO

Dunque, i botti di Capodanno hanno determinato l’episodio di cronaca che oggi ci riporta i tanti uccelli morti a Roma.

Durante la mezzanotte, pare che molti individui si siano alzati in volo contemporaneamente, in maniera disordinata e al buio, sbattendo tra di loro o contro i cavi dell’alta tensione.

I botti ci sono sempre stati perchè è successo solo quest’anno?

“Gli storni negli ultimi anni hanno diminuito la loro presenza in centro a Roma, forse anche come conseguenza degli interventi di dissuasione operati ormai da quasi venti anni.

Negli ultimi due anni, al 31 dicembre, non c’era nessun dormitorio presente o comunque non così numeroso. Quest’anno invece gli storni sono tornati al centro di Roma e non essendo stato fatto nessun intervento di dissuasione sono rimasti sul posto fino ad oggi in grandissimi numeri.

E’ per questo motivo che è successo quest’anno. Episodi simili si sono registrati comunque anche negli anni passati soprattutto tra il 2003 e il 2010 quando la presenza di questi animali a Roma era davvero importante.”

Leggi anche: TRUMP, IN 500 AL VEGLIONE DI FINE ANNO