ROMA VIGILI SESSO NELL’AUTO DI SERVIZIO

Due vigili di Roma fanno sesso nell’auto di servizio ma dimenticano la radio accesa. Si dimette il comandante della polizia municipale con una lettera alla sindaca: «Mortificante assenza».

VIGILI FANNO SESSO NELL'AUTO DI SERVIZIO
Polizia municipale Roma due agenti fanno sesso in auto di servizio

In pausa durante il servizio notturno, davanti al campo rom di Tor di Quinto a Roma, i due hanno iniziato a fare sesso nell’auto di servizio. Dimenticando la radio accesa, l’audio arriva sulla scrivania del comandante generale della polizia municipale della Capitale, Stefano Napoli.

La donna è sui 40 anni, l’uomo ha qualche anno in più. Secondo quanto è stato denunciato in un esposto al Comando, erano insieme su una Fiat Tipo di servizio.

Roma: vigili fanno sesso nell’auto di servizio ma dimenticano la radio accesa

Dopo il sex gate e l’inchiesta di Report si dimette il comandante della polizia municipale: “Raggi non mi ha difeso”.
Il caso dei caschi bianchi sorpresi a fare sesso su un’auto di servizio. Stefano Napoli lascia con una lettera alla sindaca: «Mortificante assenza».

Una lunga lettera non di saluti e ringraziamenti per averlo scelto lo scorso luglio, ma di accuse e recriminazioni. «Ho dovuto costatare la mortificante assenza del benché minimo cenno di vicinanza alla mia persona e al mio ruolo»

La sindaca era intervenuta convocando d’urgenza il comandante al quale aveva chiesto la rotazione territoriale degli incarichi. Soprattutto per i vigili che lavorano nel centro storico e che si occupano di controlli su commercio e ambulanti, edilizia e cinema. 

FESTE SEGRETE TRA SESSO E COCAINA

Seguici sui nostri social


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.